Uveiti | Vademecum | SOI Società oftalmologica italiana
Per il Medico Oculista
Per il Cittadino




 
Iscriviti a SOI

Visualizza le modalità di rinnovo della quota associativa...

Assistenza del Medico Anestesista

Elenco dei Centri Chirurgici che prevedono l'assunzione in carico del paziente da parte del medico anestesista (in aggiornamento)[scarica elenco]

Richiedi il Patrocinio SOI

SOI intende incoraggiare gli eventi che promuovano il benessere visivo nel paese. Per richiedere il Patrocinio SOI, è indispensabile presentare le proposte almeno 4 mesi prima dell'evento. [read more]

CERSOI
Certificazione Qualità

Specializzata nel settore oftalmologico, CERSOI certifica la qualità del medico oculista. [read more]

Il Sindacato ASMOOI

ASMOOI è l'Associazione Sindacale dei Medici Oculisti e Ortottisti italiani, nata per rappresentare gli interessi della categoria professionale degli oculisti e ortottisti.[read more]

INDEXOfta

Il portale degli eventi Oftalmologici Italiani[read more]



Uveiti


Si tratta di patologie dovute all'infiammazione dell'ùvea, ovvero iride, corpi ciliari e coroide, che rappresentano la tunica vascolare del bulbo oculare. 

Le uveiti si presentano con intolleranza alla luce (fotofobia), dolore oculare, diminuzione della vista (visus) e lacrimazione, mentre quelle anteriori croniche sono asintomatiche o possono presentarsi con lieve rossore e visione di mosche volanti la cui frequenza dipende da fattori geografici, genetici, sociali ed ambientali. 

Si distinguono in base alla localizzazione anatomica in anteriori, intermedie, posteriori e panuveiti. Tra le anteriori la più frequente è quella associata all’artrite giovanile idiopatica, mentre tra quelle posteriori la più frequente è quella da Toxoplasma. 

La frequenza delle uveiti è simile nei due sessi, tranne che per alcuni casi specifici di uveiti legate a patologie sistemiche. 

La diagnosi viene effettuata in base ad una accurata anamnesi e all’esame clinico, supportati da test di laboratorio ed altre indagini strumentali. La gravità dei sintomi nell’uveite anteriore è molto variabile, si va dall’assenza di sintomatologia (artrite idiopatica giovanile) a sintomi molto severi (uveiti associate all’HLA-B27).  

All'esame oculistico nelle uveiti anteriori l'occhio appare molto rosso (vasi intorno alla cornea assumono un aspetto violaceo e si dilatano); la cornea non è più trasparente ma mostra delle opacità (precipitati corneali); l'umore acqueo, che occupa la camera anteriore, appare torbido per la presenza di cellule infiammatorie, mentre nell'iride compaiono delle alterazioni visibili all'esame con lampada a fessura (noduli dell'iride), segni che si attenuano nelle forme croniche.