Dacrioadeniti, dacriocististi: contorno occhio gonfio e dolente | Patologie | SOI
Per il Medico Oculista
Per il Cittadino




 
Iscriviti a SOI

Visualizza le modalità di rinnovo della quota associativa

Assistenza del Medico Anestesista

Elenco dei Centri Chirurgici che prevedono l'assunzione in carico del paziente da parte del medico anestesista (in aggiornamento)[scarica elenco]

Richiedi il Patrocinio SOI

SOI intende incoraggiare gli eventi che promuovano il benessere visivo nel paese. Per richiedere il Patrocinio SOI, è indispensabile presentare le proposte almeno 4 mesi prima dell'evento. [read more]

CERSOI
Certificazione Qualità

Specializzata nel settore oftalmologico, CERSOI certifica la qualità del medico oculista. [read more]

Il Sindacato ASMOOI

ASMOOI è l'Associazione Sindacale dei Medici Oculisti e Ortottisti italiani, nata per rappresentare gli interessi della categoria professionale degli oculisti e ortottisti.[read more]

INDEXOfta

Il portale degli eventi Oftalmologici Italiani[read more]



Dacrioadeniti, dacriocististi


QUANDO “ IL CONTORNO OCCHI” E’ GONFIO E DOLENTE
 
Con il termine dacrioadenite si intende un processo infiammatorio su base infettiva a carico delle ghiandole lacrimali che si manifesta con gonfiore della porzione temporale della palpebra superiore, dolore e secrezione. Si tratta di una condizione non comune, in genere monolaterale, ad etiologia prevalentemente batterica, soprattutto da S. aureus e S. pneumoniae, sebbene siano stati riportati casi da P. aeruginosa, Acanthamoeba nonché da alcuni virus, in particolar modo nei bambini, dove la dacrioadenite può complicare la mononucleosi infettiva, il morbillo, la parotite e l’ influenza. Raramente l’ infezione è riconducibile ad agenti micotici quali Blastomyces, Histoplasma e Nocardia.
 
Il coinvolgimento della ghiandola lacrimale avviene più comunemente per diffusione di un focolaio infettivo congiuntivale, per via esogena dalla cute e meno frequentemente per batteriemia.
E’ possibile distinguere forme acute e croniche.
 
Le forme acute, accompagnate in genere a malessere generale e stato febbrile, si manifestano clinicamente con sensazione di peso e dolore a livello della porzione supero-esterna della palpebra superiore che appare tumefatta, edematosa e ptosica con aspetto ricurvo a “S”. La cute palpebrale è rossa, dolente alla palpazione, la congiuntiva bulbare è chemotica ed il bulbo può essere spostato inferiormente e medialmente, inoltre può esservi linfadenopatia preauricolare.
La flogosi ha in genere una durata di circa 10-15gg ed una prognosi benigna.
 
Possibili complicanze, piuttosto rare, consistono in processi suppurativi con evoluzione a fistola congiuntivale.
Il trattamento prevede impacchi caldi e terapia antibiotica; in caso di suppurazione si provvede all’incisione e al drenaggio.
Le forme croniche, meno frequenti di quelle acute, sono dovute all’ evoluzione di una forma acuta o di tipo granulomatoso (generalmente secondarie a malattie del collageno, tbc, sarcoidosi, ecc.)

[Leggi tutto l'articolo]