Uveiti: quando l'occhio è infiammato | Patologie | SOI
Per il Medico Oculista
Per il Cittadino




 
Iscriviti a SOI

Visualizza le modalità di rinnovo della quota associativa

Assistenza del Medico Anestesista

Elenco dei Centri Chirurgici che prevedono l'assunzione in carico del paziente da parte del medico anestesista (in aggiornamento)[scarica elenco]

Richiedi il Patrocinio SOI

SOI intende incoraggiare gli eventi che promuovano il benessere visivo nel paese. Per richiedere il Patrocinio SOI, è indispensabile presentare le proposte almeno 4 mesi prima dell'evento. [read more]

CERSOI
Certificazione Qualità

Specializzata nel settore oftalmologico, CERSOI certifica la qualità del medico oculista. [read more]

Il Sindacato ASMOOI

ASMOOI è l'Associazione Sindacale dei Medici Oculisti e Ortottisti italiani, nata per rappresentare gli interessi della categoria professionale degli oculisti e ortottisti.[read more]

INDEXOfta

Il portale degli eventi Oftalmologici Italiani[read more]



Uveiti

QUANDO L’OCCHIO E’ INFIAMMATO “ DAL DI DENTRO ”
 
Con il termine uveite viene indicato un processo infiammatorio a carico esclusivo o prevalente della tunica media dell’ occhio, la cui classificazione effettuata in base alla sede permette di distinguerle in anteriori ( Iriti ), intermedie ( Cicliti ) e posteriori ( Corioiditi ). Altro criterio classificativo è la evolutività, in base alla quale distinguiamo uveiti acute, recidivanti e croniche.
 
Le uveiti anteriori interessano principalmente l’iride ( Iriti ).
 
Possono avere eziologia virale, più frequentemente; batterica, ed in tal caso manifestarsi in forma acuta o cronica; parassitaria; immunopatologica oppure far parte delle cosiddette forme ‘’focali’’ ossia focolai infiammatori extraoculari più o meno clinicamente silenti che determinano attraverso l’ immissione in circolo di tossine una flogosi dell’ uvea. Le affezioni più frequentemente sospette di esserne responsabili sono i focolai tonsillari, sinusali, annessiali, prostatici, nonché i granulomi dentali o le affezioni croniche del parodonto.
 
Le forme batteriche acute più frequentemente riscontrate sono quelle da streptococco β-emolitico ( in corso di scarlattina ), meningococco, gonococco e salmonella tiphi; queste forme hanno un andamento meno aggressivo e per lo più causano esiti modesti. Assai più aggressive sono le uveiti anteriori da proteus, da pseudomonas aeruginosa e da bacillus subtilis, di difficile trattamento data l’elevata antibioticoresistenza.   
 
L’ eziologia più frequente delle uveiti batteriche croniche è invece quella tubercolare ( 30% dei casi ); in tal caso la flogosi può manifestarsi in forma aspecifica, indistinguibile dalle uveiti anteriori croniche da causa ignota tranne che per la bilateralità e l’ associazione con una sclero-cheratite o con una cheratite interstiziale. L’ uveite tubercolare può altresì manifestarsi in forma nodulare ( detta così per la presenza di piccoli noduli della grandezza di una capocchia di spillo, biancastri e avascolari ) o come tubercoloma irido-ciliare cioè una massa giallastra, monolaterale, a margini netti, nulla o poco vascolarizzata.
 
Le altre cause di uveiti batteriche croniche sono rappresentate dalla lue acquisita, dalla lebbra e dalla brucellosi.
 
Tra le uveiti virali le più frequenti sono senz’ altro quelle da herpes simplex ed herpes zoster. Le prime possono essere primitive o secondarie ad una cheratite e vengono diagnosticate mediante analisi dell’ umor acqueo in seguito a paracentesi con conseguente isolamento del virus, ma più spesso del titolo anticorpale specifico. Quelle da herpes zoster hanno insorgenza acuta e risoluzione molto lenta.


[Leggi tutto l'articolo]